Casa Nemorense

Roma: servizi e attività. Guida ai servizi e alle imprese di Roma, mangiare, dormire divertirsi a roma

giovedì, gennaio 10, 2008

Post utile (almeno nelle intenzioni).

Riporto qui sotto alcuni passi di una mail che è stata spedita ai membri del blog.

"Ciao, mi chiamo Ilaria e scrivo da Torino.
Sono capitata casualmente sul vostro sito mentre cercavo info su Psicologia.
Non so se posso rivolgermi a voi per il mio dubbio..
Io ho un percorso universitario un pò accidentato..al primo anno mi iscrissi a Lettere, il secondo feci il test a Psicologia, finii nel corso Sviluppo ed educazione e tornai dopo una settimana a Lettere che però continuava ad essere molto confusionaria senza dare nessun tipo di competenza a parte l'aria fritta..
Così, mentre davo l'esame di Sociologia mi sono accorta che la cosa mi interessava e che fosse un buon compromesso tra le cose che mi son sempre piaciute di più (storia, psicologia -anche se non l'ho mai studiata- e filosofia).
Il primo anno a Sociologia ho un pò tentennato ma vedevo che più davo esami e più mi tranquillizzavo..finché quest'anno ho rifatto la pazzia di fare il test a Psicologia.
L'ho passato e sono finita nel corso Scienze e tecniche psicologiche..e ora non so se fare il passaggio o meno. Da un lato penso che perderei solo 40 crediti..
..E, anche se solo negli ultimi giorni, ho provato a prendere dei libri di psicologia.. ma tutti quanti parlano di qualcosa di patologico..e sembrano uno sminuzzamento scientifico dei comportamenti umani (non che la sociologia non lo sia).. Non so perché non riesco ad ingoiare il rospo della frustrazione di non riuscire a fare questa cosa. Non so cosa ci sia nella mia testa che mi spinge li..o forse si.
So di essere molto più portata per ragionamenti sul singolo che sull'intera società (non leggo i giornali e odio la tv) ma non credo di essere in grado di occuparmi di persone sofferenti..non adesso.. Forse perché so cosa vuol dire (in famiglia molto vicino a me c'è un problema molto grave a riguardo anche se è psichiatrico) e non riesco ad avere uno sguardo leggero o perlomeno meno pesante sulla cosa..ma al pensiero mi sento investita di un peso enorme e di un'altrettanto grande responsabilità.. Ho paura di scoprire cose che grazie a dio finora non mi erano ancora passate per la testa. Non che io abbia chissà quali conoscenze..però è come se mi fossi accorta troppo presto nella mia vita di troppe cose..ed è come se non volessi saperne altre..
Dall'altro lato penso che prima o poi dovrò farci i conti..e dato che sono cose che mi appartengono tanto vale trovare il risvolto positivo di tutto questo.. Magari se non lo faccio adesso non lo farò mai più.. Quello potrebbe essere un modo di impiegare la sensibilità che ho dovuto sviluppare nella mia vita..
E inoltre penso a cosa cavolo potrei andare a fare con una laurea in Sociologia e ricerca sociale..."

Io ho dato le mie risposte, inviterei tutti i lettori del blog a fornire la loro, in caso abbiano consigli migliori dei miei. L'ideale sarebbe scrivere sia fra i commenti del post (in modo che le informazioni siano pubbliche) che all'indirizzo dell'interessata iaia.1984@libero.it . La ragazza ha fatto un'altra domanda in una seconda mail. Chi ha più esperienza di me è pregato di rispondere alla seguente domanda.

"P.S. Altre domande che avrei sono - l'iscrizione all'albo è possibile solo dopo un anno di tirocinio successivo alla laurea?"

Non restate là impalati e colludete, rispondendo a questi quesiti

11 Comments:

  • Salve a tutti e salve a te Ilaria. Sono da poco tornata da lavoro perciò lascio un commento veloce in riferimento alla domanda dell'albo...non ho capito bene perché parli di tirocinio dopo la laurea: sei del vecchio ordinamento? se sì, la risp alla tua domanda è affermativa: puoi iscriverti all'albo solo dopo aver superato l'esame di stato che pò essere svolto solo una volta portato a termine l'anno di tirocinio che, nel v.o., è post-lauream. lo stesso vale per ql del nuovo ordinam: l'iscrizione all'albo avviene solo dopo aver portato a termine il tirocinio. la differenza è che esiste, oltre all'albo a, un albo b al quale puoi accedere dopo il tirocinio pre-lauream della triennale, ovviamente sempre dopo aver conseguito la laurea... spero di essere stata chiara nonostante la stanchezza... baci e in bocca al lupo!

    By Anonymous psiche, at 10:52 PM, gennaio 10, 2008  

  • ciao ilaria, innanzitutto vorrei dirti che a mio parere l’ultima cosa di cui dovresti preoccuparti sono i crediti! Il tuo sentimento di frustrazione vale molto di più di 40 crediti ed è importante che tu faccia la scelta giusta e non ti senta insoddisfatta, cosa che traspare in quello che scrivi e che affiora palesemente quando dici che non sapresti cha cavolo farci con la laurea in sociologia e ricerca sociale! in realtà ti dai già molte risposte ma allo stesso tempo manifesti quella paura di conoscere, di sapere, che fin’ora ti ha portato forse a crescere in fretta e ad apprendere dalla vita aspetti credo spiacevoli legati a situazioni nelle quali non ti saresti voluta trovare. Sono emblematiche alcune tue affermazioni come: “penso che prima o poi dovrò farci i conti”, “tanto vale trovare il risvolto positivo di tutto questo”, “potrebbe essere un modo di impiegare la sensibilità che ho dovuto sviluppare nella mia vita”…mi sembri abbastanza convinta! Potrei darti mille motivazioni a cambiare facoltà visto che mi trovo al terzo anno e qualcosa mi sentirei di dirtela ma sono convinta che non avrebbe alcun senso dato che tre anni fa ero anch’io un po’ perplessa e solo frequentando le lezioni e avendo a che fare con psicologi e professori competenti, ho colto molti stimoli e riesco oggi a vedere la tua esperienza, il tuo “problema” in famiglia sotto la veste di risorsa utilissima per diventare uno psicologo clinico.
    vorrei infine dirti che è normalissimo che adesso non saresti in grado di occuparti di persone sofferenti, il percorso è talmente lungo e impegnativo (psicologicamente) che ti permetterà di crescere man mano che andrai avanti nella formazione e di superare il blocco che hai in questo momento e del quale puoi liberarti anche grazie ad una psicoterapia.

    By Anonymous murzietta, at 11:17 PM, gennaio 12, 2008  

  • Ehm.. mi pare un pò indelicato mettere sta mail sul blg a sta maniera...
    Le hai chiesto il permesso?

    By Anonymous Il Faggiano di via dei (ri)Morsi, at 2:58 AM, gennaio 13, 2008  

  • Certo che gliel'ho chiesto! E le ho anche chiesto il permesso di rendere pubblica la sua mail per le nostre risposte e quale parte della mail si poteva pubblicare.

    By Blogger Tancredi, at 10:28 AM, gennaio 13, 2008  

  • cmq la nostra conversazione sta continuando privatamente quindi ognuno di voi se vuole può mandare una mail direttamente a lei e al limite chiederle se può inserirla anche sul blog. è quello che ho fatto ieri prima di riportare il mio intervento qui...

    By Anonymous murzietta, at 12:56 PM, gennaio 13, 2008  

  • Un grazie a murzietta per aver fatto come avevo chiesto di fare nel post. Invito gli altri a prendere esempio da lei :-)

    By Blogger Tancredi, at 1:08 PM, gennaio 13, 2008  

  • caro tancredi, mi viene il dubbio se la lettera di ilaria non sia una tua trovata, un pretesto per aprire questo argomento ma io colludo e mi sto divertendo a risponderle(/ti)! ;-)

    By Anonymous psicoMurz=paranoica, at 1:36 PM, gennaio 13, 2008  

  • Bhe io sono in buona fede, ma onestamente non saprei come dimostrarla questa buona fede.
    Magari ho creato un account a nome di questa e chi ci sta comunicando in realtà sta parlando con me. Io onestamente penso che sarebbe piuttosto squallidino e che non è così, ma ovviamente i maliziosi ora incominceranno a crederlo. Credano quello che vogliono, io non ho la coscienza sporca.

    By Blogger Tancredi, at 3:32 PM, gennaio 13, 2008  

  • Quello sopra non sono io anche se in quanto a crisi di coscienza pissicologiche ne ho di cose da dire...

    Dico la mia: a psicologia sembrano tutti molto interessati al percorso didattico. Non che io non lo sia, anzi... Ma hanno in molti la tendenza a mettere fuori (categoria dentro-fuori?) il problema della competenza (cosa sappiamo?) e TUTTI i problemi di committenza. Eppure sembrano tutti i primi della classe quando c'è da riflettere sulle proprie emozioni in aula, ma fuori dall'aula tutti sono così felice da dimenticare il problema lavorativo.

    Diciamocelo, io invidio chi non si pone, ora come ora, di questi problemi perchè io, alla fine di ogni esame, non posso non pensare alla mia fiammante scrivania che mi aspetta nel mio primo posto di lavoro appena laureato... Un call center ovviamente...

    Oggi faggiano in salsa agrodolce!

    By Anonymous Il Faggiano di via dei Marsi..., at 3:47 PM, gennaio 13, 2008  

  • "Magari ho creato un account a nome di questa e chi ci sta comunicando in realtà sta parlando con me."

    Santa delicatezza :D

    By Anonymous Pharaonic empama, at 1:55 AM, gennaio 19, 2008  

  • Faggiano, il gaffino sopra ero io... sei proprio un faggiano :D

    comunque non pensarla così nera sul lavoro... se parti dal presupposto di fare il call centerista non troverai mai di meglio.....

    Comunque ragazzi... nei commenti che ho letto ci vedo zero di quel minimo che dovremmo aver appreso in 3 anni....

    povera via dei marsi....

    By Anonymous il faggiano, quello "vero", at 1:57 AM, gennaio 19, 2008  

Posta un commento

<< Home