Casa Nemorense

Roma: servizi e attività. Guida ai servizi e alle imprese di Roma, mangiare, dormire divertirsi a roma

martedì, marzo 20, 2007

Niente più cellulare: torniamo ai segnali di fumo!

Cellulari vietati nelle scuole.
Non è un problema che mi riguarda, al liceo non ci vado più e, alla fin fine non me ne fregherebbe neanche troppo, dato che il cellulare lo metto sul silenzioso, quando sto a lezione.
La Francescato odia i cellulari e coloro che ce l’hanno a lezione. Fatti suoi.
Fin qui, tutto a posto, la cosa non mi riguarda più di tanto.
A ora di pranzo riprendono alla radio con questa storia dei cellulari vietati nelle scuole e incominciano con la solita lunga serie di banalità e, avendo seguito la lezione di Psicologia di Comunità, viene sfondato il tetto massimo di cazzate che il mio cervello è in grado di incassare in una giornata. Ma non è una tragedia, non posso rovinare il mio buon umore per un’inezia simile.
Il mio cervello ha visto momenti peggiori e, come sospettano in molti, forse ha già subito danni irreparabili da molto tempo.
Non mi posso arrabbiare per niente.
Fino a quando, non interviene Maurizio de Ferraris, professore di Filosofia Teoretica, che collabora a un programma di “ontologia applicata” e che espone il suo libro “Ontologia del telefonino”.
E’ un mese che mi sto zitto, tutti sanno per il mio inveterato odio per i filosofi, ma questa se la sono cercata!
Primo: ONTOLOGIA APPLICATA?!
E’ una contraddizione in termini, come si può applicare l’ontologia? Io sono scemo lo so, chiedo al mio affezionato fan Giovanni l’arrotino di spiegarmela.
Secondo: ritorniamo alla questione del cellulare, sul primo punto ci ammazzeremo con comodo in seguito.
Io uso il cellulare, ma il mio mondo non gira attorno a esso. Il primo cellulare l’ho avuto relativamente tardi, mi rifiuto categoricamente di fare come fanno molti che ne usano due, ho uno scassatissimo Motorola (non chiedetemi il modello perché so dire solo che non è nuovo!), preferisco la suoneria old style invece di quelle polifoniche e invece di scaricarmele mi sono copiato quella de “Il padrino”.
Si sarà ben capito che non me ne frega niente di stare al passo coi tempi e seguire la moda.
Ma penso che non si possa impedire di usare il cellulare, che oltretutto è un accessorio così importante che in alcuni casi diventa parte integrante dell’identità di molte persone, forse addirittura di un’intera generazione.
Ci sono due filmati di violenza nelle scuole filmati col cellulare e poco dopo vietano i cellulari a scuola (una coincidenza?).
Il solito balletto del capro espiatorio dei media.
Dei satanisti ammazzano una ragazzina e se la prendono con la musica heavy metal.
Dei cretini buttano sassi dal cavalcavia e se la prendono con i videogiochi violenti.
Ma andate affanculo!
Che c’entra il cellulare se ci sono degli studenti che si menano o palpano la prof? Anzi, ringraziamo il cellulare che ci ha dato l’ennesima prova che la scuola italiana è una merda! Altro che vietarlo, dovremmo usarlo per cogliere in flagrante altra gente del genere!
Il problema non sono i videogiochi violenti o l’heavy-metal, è l’educazione, le storie familiari, il fatto che magari chi fa quella cosa vive in paesini sfigati dove ci sta un baretto e un cinema che cambia film ogni tre mesi, dove la gente, il sabato sera, se non si droga e non si ubriaca si può solo impiccare! E’ colpa dell’economia e della società con cui stiamo a contatto, non di due elettrodomestici come il cellulare, il computer o l’mp3! E’ comodo andare a rompere le palle ai videogiochi e i cellulari e rimpiangere un paradiso bucolico quando è il sistema che fa acqua da tutte le parti!

14 Comments:

  • SONO D'ACCORDO !

    By Anonymous un cellulare, at 8:53 PM, marzo 20, 2007  

  • E adesso: rasatevi tutti come la Spears!!!

    By Anonymous mari, at 12:32 AM, marzo 21, 2007  

  • mi viene da pensare...: e allora?

    By Anonymous un/a big five, at 3:35 PM, marzo 21, 2007  

  • ahò ma come te permetti?!

    By Anonymous Britney Spears, at 7:45 PM, marzo 21, 2007  

  • Tancrd' ci sta dicendo "ij so' 'ngazzat' ner', non gi sto capend' una mazza!"... Ma vuò vedè che de 'sto resocondo me ne posso fa' qualcosa? Che magar' c'ha una sua impordanz' pe' il ruolo dello pscòlogo?

    By Anonymous La Sesto, interpretata dal Faggiano, at 4:33 PM, marzo 22, 2007  

  • W il faggiano! Quando sentiremo la registrazione di questa grande interpretazione?

    By Blogger Tancredi, at 5:05 PM, marzo 22, 2007  

  • sottoscrivo: grande faggiano!
    tancrè, ma se 'na cosa nn è in formato audio per te nn esiste??

    By Anonymous irtimid, at 6:41 PM, marzo 22, 2007  

  • Per irtimiD
    Non so se tu hai sentito quest'imitazione dal vivo....è troppo forte! Scritta non è emozionalmente paragonabile alla versione audio...

    By Blogger Tancredi, at 7:38 PM, marzo 22, 2007  

  • complimenti per le capacità di adattamento ;-)

    By Anonymous the blade, at 10:40 PM, marzo 25, 2007  

  • collusi

    By Anonymous con luso non, at 9:15 PM, marzo 29, 2007  

  • questi articoli "mi fanno venire in mente che" stai tentando in tutti i modi di occupare l'intero paginone del blog...o no?
    della serie LOVE IS AN ENERGY...
    della serie BELLA SEMO TUTTI FRATELLI, MA IO SO' + GRANDE...
    a pascucci...me ne vado a magnà che è mejo...troppo lunghi sti post...m appallo solo a vedelli...e tu sai chi sono, amore mio

    By Anonymous l'amore di pascucci, at 9:18 PM, marzo 29, 2007  

  • Amore, non hai capito un cazzo.
    p.s. chi sei?

    By Anonymous tancredi lapidario, at 3:42 PM, marzo 30, 2007  

  • come chi sono...sono donata francescato

    By Anonymous l'amore di pascucci, at 12:11 AM, marzo 31, 2007  

  • che schifo...nn ci penso manco morto!

    By Blogger Tancredi, at 3:07 PM, marzo 31, 2007  

Posta un commento

<< Home